Giuseppe Distefano

Moderator dogs

Giuseppe Distefano/ mediatore culturale interspecifico

Ciao sono Giuseppe,

contemporaneamente agli studi in giurisprudenza ho iniziato il mio percorso nel mondo cinofilo alla fine degli anni ottanta a seguito di un incontro-scontro con un branco di randagi nel quale vengo accettato con Hegel, il mio cane.

Da quel momento potevate incontrarmi frequentemente a passaggio con il mio fedele compagno e con una decina di altri cani di grande taglia. Tant'è che alcune persone del mio quartiere iniziarono a chiamarmi "il signore dei cani"

Decido così di iniziare a studiare ed approfondire i temi di cinofilia e le varie tecniche usate per educare, istruire e addestrare i cani e quelle usate al fine di recuperare cani pericolosi. Conseguo la laurea e termino il tirocinio forense per dedicarmi interamente all'istruzione cinofila e al perfezionamento del mio metodo.

Dallo studio, dal lavoro e dall’attenta osservazione  ho sperimentato e definito un metodo di lavoro innovativo ed efficace che consiste nel lavorare in cooperazione spontanea e sinergica con cani adulti regolatori.

Il mio metodo si basa, tra le altre cose, sulle due caratteristiche peculiari del canis familiaris, ben note nella letteratura etologica dei canidi ma del tutto ignorate, nelle applicazioni pratiche, dalla cinofilia ufficiale, ovvero la socialità e la capacità di concertazione di gruppo.

Gli adulti regolatori non sono cani “addestrati” a compiere certe manovre o eseguire determinati comportamenti, niente di tutto questo.

Gli adulti regolatori vengono lasciati liberi di esprimersi fin da piccoli e con l’aiuto del loro referente umano o animale apprendono e mettono in pratica comportamenti sociali indirizzati dal loro stesso ragionamento

Seguendo tutto ciò che le esperienze sociali hanno insegnato loro fino a quel momento, son sempre pronti a modificare l’approccio se il caso, il soggetto/i interlocutore/i, la situazione o l’ambiente lo consentono.

La libertà di espressione è uno degli aspetti fondamentali del "metodo Distefano", nessuno obbliga o convince un cane adulto regolatore ad intervenire in una situazione specifica, né tantomeno qualcuno lo obbliga a relazionarsi in un certo modo.

La libertà di espressione dell'adulto regolatore comprende la possibilità di ragionare, analizzare, decidere ed agire in modo del tutto autonomo ed è il risultato della grande esperienza sociale intra ed interspecifica maturata dal soggetto. Anche questo rende ogni adulto regolatore unico ed inimitabile.

Il fatto che sia un cospecifico a comunicare ed indirizzare verso comportamenti appropriati e corretti fa sì che la comunicazione raggiunga un livello più profondo e sia maggiormente efficace, tanto che è possibile constatare i risultati sin dal primo incontro.

Io, insieme a Inuit e Yupik,  si avvalgo della collaborazione di Saro Cerra, Step e Kumba , che mi seguono ormai da diversi anni  sul territorio catanese.

La Family Dog's nelle “persone” di Luca Santamaria, Shelia e Medea  (in provincia di Pisa) e Massimiliano Cavallari e Inti (a Roma ), è affiliata a me  seguendo il mio metodo di lavoro e facendo incontri periodici di formazione ed aggiornamento sia riguardo il tema degli adulti regolatori che le tematiche di cinofilia contemporanea.

Dal 2013 è nato un rapporto di collaborazione e amicizia con Luca Spennacchio che si è concretizzato in quattro seminari a Pisa, Roma e Brescia. Dal 2015 collaboro con Gigi Raffo con cui collabora attualmente.

Nel giugno 2016, al 5th Canine Science Forum di Padova, ho presentato il mio lavoro sui "Moderator dogs in modulation of canine behavioral problems" (Cani Adulti Regolatori) suscitando interesse nel pubblico presente.

Attualmente continuo a lavorare in provincia di Catania e a collaborare con associazioni del territorio italiano per stage pratici o seminari.